Le paure dei bambini: come affrontarle e superarle.

paure dei bambini e paura del buio elinoe11

Poiché le paure dei bambini fanno parte della normalità, ecco come comportarsi.

Tutti i bambini, prima o poi, durante le varie fasi della loro crescita, sviluppano qualche paura, ognuno ha la sua: il buio, i mostri, il lupo cattivo, i rumori forti, i fulmini e tante altre. Le paure sono emozioni che ogni bambino vive nel corso dello sviluppo e proprio perché “normali”  non dobbiamo allarmarci troppo.

Le paure dei bambini sono anche reazioni fisiche e psichiche utilissime. Infatti, la paura è un meccanismo di difesa che mette in stato di allarme l’organismo quando ci troviamo di fronte a qualcosa che sentiamo pericoloso o non conosciamo. Per questo, la risposta conseguente alla paura può essere l’attacco o la fuga. Il fatto che le paure siano reazioni istintive, fa sì che non possano essere spiegate.

Terrorizzati dall’idea di sbagliare o di rimanere da soli, irrequieti, agitati, nervosi, iperattivi, goffi, impacciati o rigidi, ai bambini che hanno paura va offerta “sicurezza” : amore, empatia e accettazione, senza giudizio. La relazione genitore-figlio è una risorsa fondamentale, perché “aiuta i bambini a sentirsi sicuri, fiduciosi e felici”.

paure dei bambini e paura del buio elinoe11

Per aiutare i bambini a vivere in modo più consapevole il turbinio di emozioni da cui possono essere travolti, Cohen suggerisce di ricorrere alla metafora della “fiamma delle emozioni”, spiegando che ogni emozione (la fiamma) inizia con una scintilla, scaturita da un pensiero o un evento. “La metafora della fiamma” è rivolta  ai bambini più ansiosi, che spesso considerano i loro sentimenti come se fossero troppo scottanti da gestire. Ma per fortuna, c’è una soluzione: “si può imparare a gettare acqua sulle fiamme”. L’acqua è qualsiasi atteggiamento o cosa in grado di spegnere l’emozione sgradevole: contare fino a dieci, respirare profondamente, pensare a qualcosa di diverso, saltare,disegnare o fare un gioco divertente.

Inoltre, è consigliabile qualsiasi  altra strategia di rilassamento, come per esempio lo Yoga per bambini. E’ fondamentale puntate sul conforto fisico: “Parlate di meno e coccolate di più”.Provate a cullare il piccolo che ha paura, a fargli un massaggio delicato e a canticchiare dolcemente qualche parola dolce.

paure dei bambini e paura del buio elinoe11

Ad esempio, quando Noemi ha avuto paura del buio,  ed era ora di andare a dormire, non voleva mai stare da sola nel suo letto. Dopo aver optato per una piccola lampada divertente della Disney, che rimane accesa tutta la notte, vicino a lei, ma a volte capitava lo stesso che si svegliasse nel pieno della notte, urlando, tutta spaventata e in preda al panico. So che rimanere da soli ed essere al buio sono due delle paure infantili più comuni, ma abbiamo risolto il problema rassicurandola più volte, standole vicino e dicendole che un angioletto invisibile dormiva sempre accanto a lei e l’avrebbe protetta da ogni pericolo.

Al momento sembra aver funzionato,in ogni modo, anche dopo un brutto sogno è sempre consigliato ascoltare i propri bambini e dare spazio alle loro emozioni, farsi raccontare cosa accadeva nel sogno e cercare di capirne il motivo, evitando di fargli vivere ulteriori situazioni di paura soprattutto durante il giorno.

Detto ciò, l’ultimo consiglio per imparare a gestire le paure dei bambini, è sicuramente imparare a riconoscerle, attraverso le varie forme che l’angoscia provocata dall’ansia infantile può assumere, come il mangiarsi le unghie, il battito cardiaco accelerato, il respiro affannoso, i muscoli tesi, i crampi allo stomaco, i tremori e la sudorazione eccessiva, strani pensieri pessimistici, preoccupazioni ricorrenti e tanti altri atteggiamenti anomali che è bene affrontare e non sottovalutare.

paure dei bambini elinoe11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: