Dubai con i Bambini, una mini vacanza formato Famiglia.

Dubai con i bambini Elinoe11 Dubai, la città futuristica in soli 3 giorni.

Dubai è stata per noi una tappa intermedia, uno scalo durato 3 giorni, per poi proseguire il nostro viaggio in Thailandia. 6 ore di Volo da Bologna (con Emirates, la compagnia aerea che preferisco) e 3 ore avanti di fuso orario rispetto all’Italia.

Dubai, dopo averla vista per la prima volta nel 2004, non solo è cambiata come è normale che sia, ma ai miei occhi è anche migliorata. Perché penso questo? Innanzitutto perché a me piace sempre guardare avanti, pensare al futuro, amo le novità, le cose in grande e il lusso. In questo Dubai, guarda a caso, ne è proprio la capitale, l’esempio per eccellenza di una metropoli in continua evoluzione, futuristica e sinonimo di grande ricchezza.

Dubai con i bambini Elinoe11

Ricchezza, purtroppo, che non riguarda la sua storia, poiché Dubai non ha un grande passato, se si pensa che l’edificio più antico della capitale ( che attualmente ospita il museo di Dubai) fu costruito solo nel 1787. Mi basta pensare che gli Emirati Arabi, grazie alle loro riserve petrolifere e ai mercati dell’oro e delle spezie, sono una delle maggiori potenze al mondo con una popolazione costituita per il 90% da immigrati, dei quali una buona parte costituisce la manodopera edile.

Per questo Dubai è in continuo mutamento, dal suo vero sviluppo avvenuto solo nel 1992, l’esigenza di sviluppare il commercio e, in parallelo, il turismo, ha portato alla creazione di strutture uniche al mondo, sia per gli aspetti architettonici che per le dimensioni. Nel 2006 a Dubai erano già presenti circa il 23% di tutte le gru mondiali da costruzione e i grattacieli più alti al mondo  che sorgono a centinaia lungo tutta la città.

Dubai con i bambini Elinoe11

Una vera e propria città moderna, sempre in evoluzione e movimento,perfettamente organizzata e pulita. In soli 3 giorni abbiamo potuto visitare con i bambini una buona parte della Città, il tutto in modo facile e ordinato, senza stress e complicazioni.

Il primo giorno ci siamo recati all’ immenso  centro commerciale “The Dubai Mall” , (il più grande al mondo) dove abbiamo visitato The Dubai Acquarium & Underwater Zoo. Le manie di grandezza, tipiche di Dubai, si sono presentate in ogni occasione, l’Acquario quindi non poteva fare eccezione, infatti vanta una facciata incredibilmente scenografica ricca di pesci colorati di ogni specie, con una dimensione da record  pari a 32,88×8,3 metri, con uno spessore di 750 millimetri e un peso di 246 chili!

La fontana più grande al mondo purtroppo era spenta, ma abbiamo potuto ammirarla ugualmente in tutta la sua maestosità, immagino che di notte con le luci accese sia qualcosa di veramente splendido.

Dubai con i bambini Elinoe11

Il secondo giorno siamo saliti sul famosissimo Burj Kalifa, l’edificio più alto al mondo con l’ascensore più veloce che in poco più di 1 minuto ti porta at “The TOP” la piattaforma panoramica al 148° piano. La vista sulla città è un Must da non perdere, l’unico consiglio che posso darvi è acquistare i biglietti on-line e prenotare l’ingresso qualche giorno prima. Noi la vigilia di Natale, per poter accedere senza prevendita abbiamo speso una follia, (era l’unica soluzione) col vantaggio pero’ di essere stati nella zona ViP ( con tanto di guida e rinfresco di Caffè Arabo e Datteri) evitando così, almeno, la fila chilometrica.

Il terzo giorno abbiamo preso il pullmann rosso, quello doppio, aperto, che ci ha fatto fare il tour della Città nei quartieri più noti, passando dalla splendida spiaggia cristallina di Jumeirah, alle Palm Island che ospita il maestoso Hotel Antlantis con 1539 stanze Resort e dove abbiamo visitato  il parco acquatico Aquaventure.

Dubai con i bambini è possibile, noi siamo stati pochissimo, ma è bastato. Per l’italiano medio è molto costosa e quindi altri giorni aggiuntivi sarebbero stati per noi troppo onerosi. Ovviamente, 3 notti, è il tempo minimo di permanenza possibile per riuscire a visitare almeno una parte della città. Il nostro Hotel, L’Holiday Inn Express Safa Park, mediocre per Dubai, ( ma situato in zona centrale),  ci ha permesso, spendendo il giusto, di raggiungere brevemente qualsiasi attrazione e questo è stato per noi di fondamentale importanza.

Dubai con i bambini Elinoe11

Il mio consiglio è di spostarsi sempre in Taxi, che è il mezzo di trasporto più comodo e veloce, al giusto prezzo. La cucina è internazionale, si trova un po’ di tutto, a seconda di quello che volete spendere avrete a disposizione dal ristorante panoramico costosissimo e super chic all’ultimo piano del Burj al Arab al ristorantino  tipico ricco di erbe e spezie piccanti fino al classico fast food. In qualsiasi posto sceglierete di andare troverete sempre pulizia, simpatia e intrattenimenti per i bambini (piccoli gadget, schede da colorare, passatempi).

Tornei a Dubai con i bambini? La risposta è non lo so, magari tra 20 anni, per vedere l’evoluzione. Si’, la consiglio e me è piaciuta parecchio, e per i bambini c’è sicuramente tanta attenzione, dal menu’ a loro dedicato, ai servizi e ai divertimenti. Bisogna andarci almeno una volta nella vita, ma forse avendola già  vista 2 volte, sono dell’idea che ci sono tantissime altre bellezze al mondo che meritano, quindi, spazio alla prossima meta.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: