Coronavirus , la psicosi degli Italiani: cosa ne penso.

Coronavirus , come salvarci affrontare la paura.

In questi giorni non si parla d’altro, anche se onestamente io la penso un po diversamente e voglio condividere con voi quello che le autorità e il sistema non dicono.

Siamo bombardati dai Media che ci vogliono incutere terrore, strumentalizzandoci come pedine. Da dove realmente viene questo coronavisrus e le motivazioni per cui è arrivato da noi, non mi interessano, quello che voglio farvi capire, è perché solo l’Italia ne parla così incessantemente.

Vi siete resi conto che siamo l’unico paese mondiale, ovviamente dopo la Cina, che è stato paralizzato per un motivo che:

1 non è per niente chiaro in che modo si guarisca dal Coronavirus

2 il fenomeno è stato estremamente ingigantito, e le reazioni delle persone sono spesso sproporzionate alla reale situazione.

3 non ha causato vittime reali a parte qualche persona con già presenti problemi di salute.

4 sta mettendo in ginocchio il nostro paese che già presenta deficit economici non da sottovalutare, causando enormi sconvolgimenti nella vita professionale e personale di milioni di lavoratori.

5 non da speranze di luce e ci tiene aggrappati a notizie pessimistiche, che continuano ad incrementare e scatenare attacchi d’ansia e panico. Inducendoci in un vortice vibrazionale sempre più basso.

Psicosi da Coronavirus o Covid19: a tutti gli italiani nel panico, ecco cosa consigliano gli esperti.

Sono una mamma tranquilla e serena e questo perché ho la capacità innata di affrontare problemi e situazioni di disagio.

Ho l’abitudine di non credere troppo a quello che i telegiornali e media vogliono trasmetterci e per questo, non vuol dire che non sono informata. Al contrario cerco di ascoltare anche altri punti di vista e poi traggo le mie personali conclusioni.

Sicuramente vivere in uno stato di Ansia e Paura non fa stare bene ne me, ne la mia famiglia. Per questo, ho imparato a gestire questo stato di allerta “inutile” controbilanciando lo spavento con l’istinto di vita e sopravvivenza che mi caratterizza.

Continuo tranquillamente a svolgere le attività che facevo prima. Vado al supermercato, a fare la spesa, a fare ciò che mi piace. Continuo a praticare sport (all’aperto se possibile) a lavorare, a portare i miei figli al parco. Non mi sono di certo chiusa in casa e questo anche per far capire ai miei figli che realmente non c’è tutto questo pericolo.

Coronavirus : come affrontare la paura degli altri.

Spesso pero’ sono gli altri che, bombardati da tutte queste informazioni, spesso non veritiere, cercano di trasmetterci le loro ansie.

Io per difendere la mia vita e quella delle persone che mi stanno accanto, non solo non alimento le loro paure, ma cerco di evitare gli scontri ideologici.

Cerco di passare dalla preoccupazione all’occupazione, dando loro l’esempio e portando l’attenzione al presente. Perché non dimentichiamoci che il “Qui e Ora” determina il nostro futuro. E prima usciamo da questa vibrazione negativa e prima ne vedremo la luce.

Alle persone angosciate che stanno davvero vivendo male questo periodo di transito, consiglio di scrivere e meditare.

Riversare i propri pensieri scrivendoli su un foglio di carta, aiuta a liberare la nostra mente. Inoltre, secondo gli esperti, un valido aiuto arriva anche dalla meditazione e dalle tecniche di respirazione.

Provate a dedicare almeno 10 minuti al giorno alla respirazione, evocando mentalmente il ricordo di un sole radioso. Sedersi a gambe incrociate ripetendo mentalmente calma, forza e rigenerazione. Portare l’attenzione alla pianta dei piedi e respirare in maniera profonda.

Anche appena ci alziamo dal letto, al mattino, è consigliabile respirare profondamente sempre dal naso e non dalla bocca, portando l’attenzione al torace.

Da anni mi dedico alla pratica del rebirthing, della meditazione e dello joga e personalmente ho trovato nei momenti di difficoltà, grandi giovamenti.

Ho imparato a rimanere concentrata, gestendo meglio i livelli di stress. Ad avere pensieri più lungimiranti portando l’attenzione su quello che ho e che vorrei attirare nella mia vita, e non su quello che mi paralizza. Il training interiore mi ha sempre aiutata, e praticandolo con costanza mi permette di ottenere risultati immediati ed efficaci.

Tutto questo per dirvi che anche davanti alle difficoltà non dobbiamo lasciarci travolgere dall’emozione negativa. E soprattutto, da mamma , cerco di non trasmettere mai ai miei figli i miei stati di paura, ma al contrario, il mio compito è quello di tranquillizzarli. E se loro mi vedono tranquilla e serena lo saranno di conseguenza anche se in mezzo ad un mondo in panico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: